Fenice

Forse ero così indaffarato ed occupato ad odiare me stesso che ho disimparato la delusione. Quello che e’ rimasto dentro di me e’ la vertigine del vuoto, cioè la capacità di guardare freddamente me stesso da uno specchio retrovisore. Ed e’ inutile dire che esco nuovamente sconfitto da me stesso, dalle ingarbugliate trame della mia mente, dai profondi abissi della mia insicurezza e sopratutto dalla scarsa fiducia che nutro nelle persone. Così, ora, ancor meno di prima, credo di non aver più nulla da perdere, se non ricominciare da qui, da me stesso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: