Aporie

Queste maledette mattine in cui cerco di dare una parvenza di ordine alla mia vita,  che si smarriscono nella forza inerziale di pensieri disordinati , e non c’è niente che possa ricondurmi a me stesso con la stessa forza e intensità di un pugno in piena faccia. Resto come appeso al soffitto a fissare il mondo all’incontrario, esisto senza esistere, come potrebbe esistere un punto di domanda, conscio della propria disarmante inutilità, confinato in uno spazio di esistenza solo in virtù del suo diritto ad esistere, ma a quale pro? forse lo si potrebbe amare solo di quel sentimento disperato che non gode della piena cognizione di sé stesso, come quello che riserviamo a ciò che è disinteressato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: