Esistenze liquide.

Temo, sempre di nuovo, di ritornare al principio. La verità e’ che ho ancora paura di scontrarmi contro muri invisibili, quelli della mente, forse sarebbe ancora più azzardato aggiungere del pensiero. Perché il problema non e’ tanto la vertigine, che solo conosce chi ha avuto la fortuna di cascare tutto intero nella propria vita, come nel suo fallimento più autentico; ma, credo che il problema sia sempre quello di reggere contemporaneamente tutti i fili della propria esistenza, anche quando il senso, che da sempre ama nascondersi, se n’e’ scivolato via. A quel punto, non si può fuggire dal proprio esercizio alla vita, tocca esercitare e centellinare muscoli e pensiero, o lasciar precipitare tutto e ricominciare, ancora una volta, senza alcuna tregua.

  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: