Divertissement

Credo che l’unica risposta ad un certo modo di vivere dei giorni nostri debba essere ricercata nel pensiero di Pascal, tanto per soffiare via un po’ di quella vecchia polvere che spesso si annida sulla filosofia. Nei “Pensieri” Pascal sottolinea l’incapacità dell’uomo di far fronte al presente e di farsi carico del carattere “essenziale” dell’esistenza ( la morte, la miseria, l’ignoranza ). Come? proiettandosi incessantemente verso il futuro nell’illusione in tal modo di poterlo addomesticare, di controllarne il realizzarsi, ma anche attraverso ogni genere di distrazione o vuoto divertimento, come se questo movimento incessante potesse colmare il vuoto di senso – ciò che egli definisce la noia – di chi non è capace più di vivere una vita “cosciente”. “Tutti i guai dell’uomo derivano dal non saper stare fermo in una stanza“, poiché essendo gli uomini incapaci di volgersi al pensiero  e rifugiandosi nell’immaginazione – la quale è illusoria per sua natura- finiscono per attribuire ai loro divertimenti – persino ai beni materiali di cui godono nel corso della propria vita – un significato assoluto che questi non possiedono, proiettando in essi il proprio incessante desiderio di felicità e allegria. Cosicché la loro vita si svolge, così tanto per dire, mentre essi sono voltati da un’altra parte.

16649157_10210991685495557_6802900724603945110_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: